Giovedi 16 08 2018 - Aggiornato alle 06:09

Siculiana, per il Tarta-day torna in mare una"Caretta caretta"
Natura Siculiana, per il Tarta-day torna in mare una"Caretta caretta"

La giornata nazionale dedicata alla tartaruga marina Caretta è un evento inserito nel “World Sea TurtleDay" che si svolge in tutto il mondo. La campagna di sensibilizzazione nell'Agrigentino parte da Siculiana. Sono decine di migliaia all’anno le tartarughe catturate solo nelle acque italiane

- 17/06/2016

Si svolgerà domani 18 giugno a Siculiana mariana il Tarta-Day, giornata nazionale dedicata alla tartaruga marina "Caretta carretta" che viene celebrata in tutte le regioni dove operano centri specializzati nella cura di questa preziosa specie. Un evento inserito nel “World Sea TurtleDay" che si svolge in tutto il mondo fino a domenica prossima 19 giugno e che va a coincidere con l'anniversario della nascita di Archie Fairly Carr, nato il 16 giugno 1909, studioso che ha contribuito alla ricerca sulla conservazione delle tartarughe marine.
 
Organizzato dal Libero Consorzio di Agrigento in collaborazione con il WWF, l'evento si svolgerà nella zona antistante il Centro della legalità “Francesco Alaimo” a Siculiana marina. L'appuntamento è alle 10,30 dove sono previste alcune attività di educazione ambientale; alle 11,30 sarà liberato un esemplare di "Caretta caretta" proveniente dal Centro di recupero Tartarughe marine di Lampedusa. Saranno presenti i rappresentanti dell'Amministrazione comunale di Siculiana, il direttore e il personale della riserva naturale di Torre Salsa, i funzionari del settore ambiente del Libero Consorzio.
 
Il progetto Tartalife sta svolgendo un'importante attività di studio sulla specie e sulle misure di gestione. In particolare i dati di cattura, le testimonianze dei pescatori e l’aumento degli interventi nei centri di recupero registrano una situazione allarmante: decine di migliaia di catture all’anno solo nelle acque italiane. Spesso catture accidentali, fenomeno che determina il ferimento o l’uccisione di molti individui e ostacola la conservazione della specie nel Mediterraneo.
 

SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

scrivi alla redazione